VENDITA DEL FONDO: PRELAZIONE AGRARIA ESTESA ALL’IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE (I.A.P.)

Con l’entrata in vigore della legge 154/2016 (Collegato Agricolo), a partire dal 25 agosto 2016, viene estesa anche all’Imprenditore Agricolo Professionale (I.A.P.) il diritto di prelazione agraria per il caso della vendita del fondo confinante.
Questo è un’ulteriore passo del progressivo avvicinamento dell’Imprenditore Agricolo Professionale alla figura del Coltivatore Diretto (C.D.) in materia di diritti ed agevolazioni.
Il diritto dello IAP non è il medesimo di quello del coltivatore diretto. La legge ha posto dei limiti: esso può essere esercitato esclusivamente quale confinante e non come affittuario. Inoltre spetta solo allo IAP, imprenditore individuale iscritto nella previdenza agricola e non alla società IAP.

I requisiti affinché lo IAP possa esercitare il diritto della prelazione sono i seguenti:
• È proprietario, anche per quota indivisa, di fondo agricolo confinante con quello posto in vendita e lo conduce direttamente almeno da due anni;
• Non ha venduto nel biennio precedente terreni agricoli con un imponibile fondiario superiore ad € 0,52;
• È iscritto nella previdenza agricola;
• Il fondo per il quale intende esercitare la prelazione in aggiunta ad altri eventualmente posseduti in proprietà non deve superare il triplo della superficie corrispondente alla capacità lavorativa della sua famiglia.

 

Forse ti interessa anche...