TRACCIABILITÀ DELLE RETRIBUZIONI DAL 1° LUGLIO 2018 – REGIME SANZIONATORIO – NOTA INL

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), con nota n. 4538 del 4 luglio 2018, d’intesa con l’ufficio legislativo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha fornito ulteriori chiarimenti sull’obbligo di tracciabilità dei pagamenti relativi alla retribuzione dei lavoratori in vigore dallo scorso 1° luglio 2018.
I chiarimenti riguardano in particolare le modalità di calcolo della sanzione amministrativa pecuniaria prevista per la violazione di tale obbligo, che va da 1.000 a 5.000 euro.
Secondo la nota dell’INL, la sanzione amministrativa:
• prescinde dal numero di lavoratori coinvolti nella violazione, perché la formulazione della norma sembra fare riferimento alla totalità dei lavoratori in forza presso il singolo datore di lavoro;
• viene applicata ad ogni mensilità per cui si è protratto l’illecito, poiché la norma fa riferimento all’erogazione della retribuzione che “per lo più avviene a cadenza mensile”.

Forse ti interessa anche...