Decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41 – cd “SOSTEGNI”

Il decreto-legge “Sostegni” si prefigge l’obiettivo di potenziare gli strumenti di contrasto alla diffusione del contagio da COVID-19 e di contenere l’impatto sociale ed economico delle misure di prevenzione adottate, impegnando i 32 miliardi di euro dello scostamento di bilancio autorizzato dal Parlamento nel gennaio scorso.

Le misure contenute necessitano di un numero notevole di provvedimenti attuativi, che si sommano peraltro a quelli necessari per l’attuazione di precedenti disposizioni legislative. Questo, inevitabilmente, potrà influire sulla efficacia – quanto meno in termini temporali – delle misure stesse, che rischiano di non essere tempestive.

Il decreto-legge prevede altresì alcune novità ed aggiornamenti in ordine all’adeguamento rispetto alla disciplina europea in materia di aiuti di Stato, in particolare l’implementazione delle novità che hanno interessato il “Quadro Temporaneo”. E’ opportuno rilevare che per Confagricoltura, al di là di tali aggiornamenti, è comunque preferibile il ricorso a forme di aiuti di Stato non limitati per definizione perché, al di là dell’aumento del plafond massimo di sostegni concedibili per azienda, è opportuno che non siano previsti limiti massimi che vincolano gli effetti delle misure di incentivo e sono anche onerosi dal punto di vista della gestione amministrativa per le necessarie verifiche in ordine al rispetto dei massimali per impresa.

Di seguito il link con il commento delle Aree confederali al decreto-legge in oggetto

 DL_Sostegni_Commento_Confagricoltura

Forse ti interessa anche...